Logo Regione Autonoma della Sardegna
POLITICHE SOCIALI DELLA SARDEGNA
sardegnasociale  ›  programmazione  ›  notizie  ›  il programma p.i.p.p.i. in sardegna

Il programma P.I.P.P.I. in Sardegna

Il Programma P.I.P.P.I. persegue la finalità di innovare le pratiche di intervento nei confronti delle famiglie cosiddette negligenti al fine di ridurre il rischio di maltrattamento e il conseguente allontanamento dei bambini dal nucleo familiare, articolando in modo coerente fra loro i diversi ambiti di azione coinvolti intorno ai bisogni dei bambini che vivono in tali famiglie, tenendo in ampia considerazione la prospettiva dei genitori e dei bambini stessi nel costruire l’analisi e la risposta a questi bisogni. L’obiettivo primario è dunque quello di aumentare la sicurezza dei bambini e migliorare la qualità del loro sviluppo.

P.i.p.p.i. come programma di ricerca- intervento-formazione si è sviluppato in 3 fasi:
1. 2011-2012, adesione di 10 Città italiane riservatarie della L.285/1997 – Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Torino, Venezia-, 89 famiglie target nel gruppo sperimentale, 122 bambini; 35 famiglie e 37 bambini nel gruppo “controllo”;
2. 2013-2014, adesione di 9 Città italiane - Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Palermo, Reggio Calabria, Torino, Venezia-, 170 e 249 bambini famiglie nel gruppo sperimentale; 54 famiglie e 49 bambini nel gruppo “controllo”;
3. 2014-2015, estensione a 50 ambiti territoriali appartenenti a 17 Regioni e una Provincia Autonoma, coinvolgimento di 500 famiglie.

P.I.P.P.I. In Sardegna si rivolge agli ambiti territoriali di Nuoro e Cagliari e vedrà coinvolti 20 nuclei familiari con figli da 0 a 11 anni a rischio di allontanamento. Il programma pone l’attenzione sul tema della prevenzione dell’allontanamento o di rendere l’allontanamento un’azione fortemente limitata nel tempo facilitando i processi di riunificazione familiare. È un programma che ha come obiettivo primario quello di aumentare la sicurezza dei bambini e migliorare la qualità del loro sviluppo e che trova il suo punto di forza nella “rete”, nella quale si raccordano tutti i soggetti del pubblico e del privato sociale che concorrono alla crescita e alla presa in carico dei bambini e dei nuclei familiari multiproblematici, in un’ottica di “comunità educante”. A ciascun ambito territoriale viene riconosciuto un finanziamento di € 62.500 di cui € 50.000 quale quota statale, ed euro € 12.500 quale quota di co-finanziamento regionale.

Consulta i documenti:
Consulta la delibera

Consulta la pagina web del progetto - Università degli studi di Padova:
Progetto Pippi

Informazione a cura dell' Urp della Presidenza