Logo Regione Autonoma della Sardegna
POLITICHE SOCIALI DELLA SARDEGNA
sardegnasociale  ›  famiglia  ›  nascita  ›  documenti e pratiche  ›  documenti e pratiche

Documenti e pratiche

Documenti e pratiche
Quando nasce un bambino ci sono alcuni adempimenti burocratici necessari per far diventare il neonato un piccolo cittadino che, fino a quel momento, per lo Stato ''ufficialmente'' ancora non esiste. Perché venga riconosciuto occorrono una serie di documenti e atti che lo trasformano a tutti gli effetti in un nuovo cittadino italiano.
Denuncia di nascita, attribuzione del nome, scelta del pediatra, codice fiscale, tessera sanitaria, riconoscimento di paternita' o di maternita' sono i principali adempimenti burocratici per la famiglia del nuovo nato.
Quando avviene una nascita è obbligatorio fare la dichiarazione di nascita per l'iscrizione del nuovo nato nel registro comunale dello stato civile.
Possono fare la dichiarazione di nascita:
- uno dei genitori;
- persona con procura speciale di uno dei genitori;
- un medico, ostetrica o qualsiasi persona che abbia assistito al parto.

Chi fa la dichiarazione deve sempre rispettare l'eventuale volontà della madre di non essere nominata. La dichiarazione di nascita può essere fatta, alternativamente presso:
- l'ospedale o la casa di cura dove e' avvenuta la nascita ed è ricevuta dal direttore sanitario o da persona da lui delegata;
- il Comune nel cui territorio è avvenuta la nascita;
- il Comune di residenza dei genitori, se diverso da quello di nascita;
- il Comune di residenza della madre, se diverso da quello di nascita, quando i genitori hanno residenze differenti;
- il Comune di residenza del padre, se diverso da quello di nascita, quando i genitori hanno residenze differenti e sono d'accordo.
Nei casi in cui la dichiarazione sia fatta presso un Comune è ricevuta dall'ufficiale di stato civile.

Normativa:
Decreto del Presidente della Repubblica n. 396 del 2000
Legge del 15 maggio 1997, n. 127

Link correlati:
Italia.gov