Logo Regione Autonoma della Sardegna
POLITICHE SOCIALI DELLA SARDEGNA
sardegnasociale  ›  lotta al disagio  ›  dipendenze  ›  l'evoluzione dei comportamenti di abuso e di dipendenza

L'evoluzione dei comportamenti di abuso e di dipendenza

Le problematiche correlate all'uso, all'abuso e dipendenza da sostanze stupefacenti e quelle correlate alle dipendenze comportamentali costituiscono una priorità nell'intervento sociale e sanitario.
Comportamenti di abuso e dipendenza possono determinarsi in relazione all'utilizzo di sostanze come eroina, cocaina, alcol, nicotina, etc., o manifestarsi in altri ambiti, come quello alimentare, della sessualità o dello svago e divertimento (anoressia/bulimia, gioco d'azzardo, dipendenza da internet, etc.).
La dipendenza si manifesta quando l'entità delle problematiche coinvolte è tale da provocare disagio pervasivo, interferenza con i programmi individuali di vita e conseguenze dannose per la salute, il lavoro, le relazioni sociali. Gradi inferiori di pervasività sono indicati con il termine di "abuso".
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) considera il fumo di sigaretta, il consumo di alcol e delle altre sostanze d'abuso illegali (quali eroina, cocaina, amfetamina etc.) tra i principali fattori di rischio per la salute pubblica. Gli effetti direttamente indotti dall'uso delle diverse sostanze e/o le conseguenze del loro uso esercitano un impatto sociale e sanitario fortemente negativo in termini di mortalità, morbosità, criminalità e disgregazione sociale.

Alla dipendenza dall'eroina e dall'alcol si affiancano oggi altre forme di dipendenza quali le dipendenze comportamentali e quelle legate all'uso problematico e abuso di sostanze stimolanti a scopo ricreazionale, voluttuario o "sperimentale" e l'associata adozione di comportamenti distruttivi per sé e per gli altri (guida pericolosa, ad esempio) che, anche in assenza di definite forme di dipendenza, si osservano in determinati contesti sociali, come quelli dello svago e del divertimento, dove vengono sempre più accettati o incoraggiati.

Le dipendenze comportamentali sono quelle relative al comportamento alimentare con il costante aumento di problematiche quali anoressia e bulimia, al gioco d'azzardo patologico. Altre dipendenze patologiche, sono l'impulso all'acquisto, la dipendenza da videogiochi e quella che riguarda la sfera della sessualità. La dipendenza da sostanze psicoattive e le dipendenze comportamentali sono diffuse nella società
e sempre meno confinate o riconducibili a specifiche categorie di persone. Esse inoltre non sono chiaramente differenziabili da corrispondenti comportamenti sani e/o necessari, ma sfumano attraverso forme di dipendenza meno severa, forme di abuso, stili di vita e modelli culturali, verso comportamenti socialmente accettati. Col tempo si è manifestata una progressiva attenuazione nella percezione del rischio associato ai comportamenti di abuso ed una notevole tendenza al passaggio da un abuso all'altro e all'associazione di più sostanze o comportamenti.

In Sardegna l'evoluzione del problema dell'abuso e dipendenza dagli anni Novanta ad oggi ha seguito l'andamento generale descritto, caratterizzato dall'aumento della eterogeneità sia per quanto riguarda le sostanze che per quanto riguarda i comportamenti di abuso. Alle sostanze d'abuso classiche (eroina, alcol, tabacco) si sono aggiunti gli psicostimolanti (cocaina in particolare), mentre i comportamenti sono mutati sia per la tendenza al poliabuso che per la crescente rilevanza delle dipendenze non farmacologiche (gioco d'azzardo in particolare).

Consulta i documenti:
Delibera del 27 marzo 2007, n. 12/3
Delibera del 4 novembre 2005, n. 51/9
Delibera del 20 settembre 2005, n. 44/9
Delibera del 2 agosto 2005, n. 38/21

Normativa:
Decreto del Presidente della Repubblica del 9 ottobre 1990, n. 309

Link correlati:
Osservatorio europeo delle droghe (EMCDDA)
Osservatorio Fumo Alcol Droga
Consulta dipendenze
Italia.gov
Società Italiana Tossicodipendenze
FeDerSerD
Itaca Italia
Medicina delle Tossicodipendenze
NIDA