Logo Regione Autonoma della Sardegna
POLITICHE SOCIALI DELLA SARDEGNA
sardegnasociale  ›  famiglia  ›  nascita  ›  attesa  ›  gravidanza e viaggi

Gravidanza e viaggi

La gravidanza in sé non costituisce una controindicazione a viaggiare. Una particolare attenzione, però, deve essere posta dalle donne che intendono effettuare un viaggio nel primo trimestre o al termine della gestazione. Il periodo migliore per viaggiare infatti è il secondo trimestre (18-24 settimane), mentre dopo la ventottesima settimana è opportuno viaggiare accompagnate e avere con sé un certificato medico che attesti le condizioni generali e la data presunta del parto.
Nel scegliere il luogo di villeggiatura vanno tenute presenti alcune regole generali:
- deve essere disponibile una adeguata assistenza sanitaria;
- evitare di viaggiare nelle ultime 3-4 settimane di gravidanza;
- avere sempre con sé tutta la documentazione riguardante la gravidanza e la tessera sanitaria.

L'aereo è il miglior mezzo di trasporto per una gestante che deve affrontare un lungo viaggio. Le compagnie aeree richiedono un certificato che attesti l'epoca di gravidanza ed il buon stato di salute; quando è stata superata la trentunesima settimana si aggiunge anche una dichiarazione liberatoria (tutta la modulistica è fornita dalle compagnie).
La nave ed il treno sono mezzi molto comodi (permettono il movimento), e sicuri per la gravida (le navi da crociera hanno personale medico a bordo). L'auto dovrebbe essere usata con molta cautela evitando lunghi percorsi senza soste e nelle ore più calde. Allacciate sempre le cinture di sicurezza in quanto, anche se il codice della strada prevede la possibilità di evitarlo, è scientificamente dimostrato che, in caso di incidente, i danni per la madre e il feto sono minori quando le cinture sono allacciate. Affidate la guida se possibile ad altri, particolarmente dopo la trentaduesima settimana quando i movimenti risultano più impacciati. I tempi di reazione, inoltre, sono leggermente ridotti, così anche il potere di attenzione e la stanchezza viene sentita più precocemente. Va, infine, escluso l'uso di moto e motorini per le forti vibrazioni che determinano; la bicicletta può essere utilizzata solo per brevi tratti e su strade asfaltate e confortevoli.