Logo Regione Autonoma della Sardegna
POLITICHE SOCIALI DELLA SARDEGNA
sardegnasociale  ›  infanzia  ›  disagio e abuso  ›  caratteristiche del fenomeno

Caratteristiche del fenomeno

Il fenomeno del sospetto abuso e maltrattamento ai danni di minori:
- è sommerso: tende a richiamare attenzione soltanto quando assume un livello di gravità tale da causare danni spesso irrimediabili. E' necessario, quindi, porsi in un atteggiamento "attivo" per poterlo rilevare tempestivamente;
- è connesso ad un alto indice di occultamento;
- è pericoloso e richiede, pertanto, l'attivazione di adeguati interventi di protezione e tutela;
- è difficilmente rilevabile con sufficiente certezza, pertanto richiede una presa in carico anche delle situazioni dubbie;
- è complesso e multiproblematico: per cui si dovrà procedere ad una valutazione interdisciplinare congiunta;
- tende a cronicizzarsi, piuttosto che risolversi spontaneamente, per cui le azioni intraprese dovranno essere idonee e tempestive;
- viene spesso negato, in quanto la famiglia si sottrae all'intervento degli operatori: è necessario cercare di stabilire un terreno comunicativo, tenendo conto dell'atteggiamento di negazione della famiglia;
- si tratta spesso di una patologia familiare: la diagnosi e la terapia possono pertanto coinvolgere l'intero nucleo;
- tende a perpetuarsi: un bambino che subisce abusi e maltrattamenti ha maggiori probabilità di diventare a sua volta un genitore maltrattante e/o a sviluppare una patologia psichiatrica.

Il fenomeno del maltrattamento e dell'abuso sessuale in particolare, si manifesta, in Italia, in maniera prevalente nell'ambiente familiare, in situazioni dove, spesso, tale fenomeno è accompagnato da altri aspetti di problematicità e fattori di rischio e disagio sociale.
In questo contesto, le misure di tutela e protezione del minore dovranno accompagnarsi ad una valutazione sulle possibilità di recupero delle capacità genitoriali compromesse.

In caso di prognosi positiva, verrà elaborato un progetto complessivo di aiuto al bambino ed alla sua famiglia, volto al ripristino delle relazioni genitoriali ed al rientro, qualora possibile ed opportuno, in prospettiva, del minore entro il contesto d'origine, nel caso in cui ne sia stato disposto l'allontanamento. Eventuali attività tese a coinvolgere la famiglia nel riconoscimento dell'abuso e dei problemi che l'hanno provocato, in ogni caso, dovranno tener conto delle esigenze di indagine eventualmente in corso da parte delle Autorità Giudiziarie.

Documenti correlati:
Rapporto conclusivo della ricerca: "Il fenomeno del maltrattamento e dell'abuso all'infanzia in Sardegna" [file.zip]