Logo Regione Autonoma della Sardegna
POLITICHE SOCIALI DELLA SARDEGNA
sardegnasociale  ›  famiglia  ›  nascita  ›  gravidanza e lavoro  ›  donne lavoratrici

Donne lavoratrici

In caso di contratto di collaborazione coordinata continuativa è fissato un assegno di parto stabilito in relazione e proporzione ai versamenti, erogato solo se iscritte alla "gestione separata dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale o inoltrando la domanda alla suddetta "gestione separata dell'INPS" entro 1 anno dal parto.

In caso di lavoratrici autonome (esercenti di attività commerciale, artigiane, coltivatrici dirette) e libere professioniste è fissata un'indennità per l'astensione dal lavoro per le lavoratrici che versano i contributi all'INPS pari all'80% della retribuzione minima stabilita per le qualifiche di impiegata o di operaio agricolo che va da 2 mesi prima del parto ai 3 mesi successivi.

Per le casalinghe, le lavoratrici atipiche e discontinue è previsto un assegno di maternità su presentazione di domanda documentata al proprio Comune di residenza entro 6 mesi dalla data del parto.