Logo Regione Autonoma della Sardegna
POLITICHE SOCIALI DELLA SARDEGNA
sardegnasociale  ›  infanzia  ›  città amiche  ›  lavorare nell'ottica della sostenibilità urbana

Lavorare nell'ottica della sostenibilità urbana

Molti enti locali e associazioni hanno svolto negli ultimi anni un ruolo fondamentale nel contrastare tali fenomeni, con iniziative e progetti che hanno visto finalmente un riconoscimento anche istituzionale, attraverso leggi nazionali, premi ed incentivi economici e risorse finanziarie. Allo stesso tempo, molti altri fattori (convenzioni internazionali, fondi e normative europee, leggi nazionali, iniziative culturali, ecc.) hanno posto in primo piano alcune questioni strettamente connesse alla costituzione di città vivibili, amichevoli, ecosostenibili per i bambini (e, quindi, per tutti i cittadini). Lavorare nell'ottica della sostenibilità urbana attraverso una pianificazione ed una serie di azioni ed interventi specifici che partano dal presupposto fondamentale che "una città non amichevole verso i bambini e le bambine è una città insostenibile per tutti" non può, dunque, che produrre l'effetto di migliorare la qualità della vita urbana, a partire dall'infanzia e inducendo effetti benefici su tutta la collettività.

Per perseguire tali obiettivi è necessario promuovere una visione delle politiche per l'infanzia che non abbia più l'esclusiva connotazione sociale ma che si ponga come politica trasversale e che coinvolga tutte le politiche, dai servizi sociali, ai trasporti, all'urbanistica, allo sport, alla cultura e pubblica istruzione, al turismo ecc. Si tratta, quindi, di predisporre strategie di riqualificazione degli ambienti urbani che non solo tengano conto delle esigenze e dei bisogni dei bambini e degli adolescenti espressi dagli adulti, ma che li coinvolgano direttamente nella programmazione di interventi in tale direzione, in un'ottica di integrazione tra le diverse politiche. L'obiettivo è quello di creare occasioni di dialogo, di ascolto, di confronto tra le istanze di cui sono portatori per la realizzazione di obiettivi concreti che li rendano cittadini attivi e veri protagonisti della vita della comunità in cui vivono.