Logo Regione Autonoma della Sardegna
POLITICHE SOCIALI DELLA SARDEGNA
sardegnasociale  ›  infanzia  ›  disagio e abuso

Disagio e abuso

Abuso all'infanzia
Per abuso si intendono: "gli atti e le carenze che turbano gravemente i bambini e le bambine, attentano alla loro integrità corporea, al loro sviluppo fisico, affettivo, intellettivo e morale, le cui manifestazioni sono la trascuratezza e lesioni di ordine fisico e psichico e sessuale...".
Caratteristiche del fenomeno
Il fenomeno del maltrattamento e dell'abuso sessuale in particolare, si manifesta, in Italia, in maniera prevalente nell'ambiente familiare, in situazioni dove, spesso, tale fenomeno è accompagnato da altri aspetti di problematicità e fattori di rischio e disagio sociale.
La rete
I servizi socio-assistenziali sono chiamati ad assicurare risposte di tutela della salute psico-fisica del minore presunta vittima di episodi di violenza. Essi sono tenuti ad attivare, in maniera integrata, le misure di tutela, presa in carico e sostegno del minore durante tutto il procedimento.
Protocollo sull'abuso e violenze sui minori
Il Protocollo d'intesa interistituzionale rappresenta l'impegno di tutte le istituzioni firmatarie a collaborare in forma coordinata, integrata e continuativa al fine di garantire al minore adeguata tutela sociale, legale e sostegno psicologico.
Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l'Abuso all'Infanzia (CISMAI)
Il Cismai costituisce una sede permanente di carattere culturale e formativo nell'ambito delle problematiche inerenti le attività di prevenzione della violenza contro i minori, con particolare riguardo all'abuso intrafamiliare.
Telefono Arcobaleno
Dal 6 aprile 2007 è attiva, 365 giorni all'anno, la Linea Nazionale gratuita contro l'abuso sui minori di Telefono Arcobaleno, che risponde al numero verde 800 025777.
Telefono Arcobaleno è l'associazione che opera contro lo sfruttamento minorile.
Osservatorio per il contrasto della pedofilia
L'Osservatorio per il contrasto della pedofilia e pornografia minorile è stato istituito con la Legge n. 38 del 6 febbraio 2006. L'Osservatorio, attraverso la sua Banca Dati, consente di individuare strategie di prevenzione e contrasto per la tutela dei minori e dei loro bisogni.